Manuale di Debian Live

A proposito

1. A proposito di questo manuale

1.1 Per gli impazienti
1.2 Glossario
1.3 Autori
1.4 Contribuire a questo documento
1.4.1 Applicare le modifiche
1.4.2 Traduzione

2. A proposito del progetto Debian Live

2.1 Motivazioni
2.1.1 Cosa c'è di sbagliato con gli attuali sistemi live
2.1.2 Perché creare il proprio sistema live?
2.2 Filosofia
2.2.1 Solamente pacchetti da Debian "main", inalterati.
2.2.2 Nessun pacchetto di configurazione per il sistema live
2.3 Contatti

Utente

3. Installazione

3.1 Requisiti
3.2 Installare live-build
3.2.1 Dal repository Debian
3.2.2 Da sorgenti
3.2.3 Da "istantanee"
3.3 Installare live-boot e live-config
3.3.1 Dal repository Debian
3.3.2 Da sorgenti
3.3.3 Da "istantanee"

4. Nozioni di base

4.1 Cos'è un sistema live?
4.2 Scaricare immagini precompilate
4.3 Utilizzare il web builder per le immagini live
4.3.1 Utilizzo del web builder e raccomandazioni
4.4 Primi passi: creare un'immagine ISO ibrida
4.5 Utilizzare un'immagine ISO live ibrida
4.5.1 Masterizzare un'immagine ISO su un supporto fisico
4.5.2 Copiare un'immagine ISO ibrida su una penna USB
4.5.3 Usare lo spazio rimanente su una penna USB
4.5.4 Avviare il supporto live
4.6 Utilizzare una macchina virtuale per le prove
4.6.1 Provare un'immagine ISO con QEMU
4.6.2 Provare un'immagine ISO con virtualbox
4.7 Creare e utilizzare un'immagine HDD
4.8 Creare un'immagine netboot
4.8.1 Server DHCP
4.8.2 Server TFTP
4.8.3 Server NFS
4.8.4 Come provare una netboot
4.8.5 Qemu

5. Panoramica degli strumenti

5.1 Il pacchetto live-build
5.1.1 Il comando lb config
5.1.2 Il comando lb build
5.1.3 Il comando lb clean
5.2 Il pacchetto live-boot
5.3 Il pacchetto live-config

6. Gestire una configurazione

6.1 Gestire i cambiamenti di configurazione
6.1.1 Perché utilizzare gli script automatici? Cosa fanno?
6.1.2 Esempi d'uso di script automatici
6.2 Clonare una configurazione pubblicata tramite Git.

7. Panoramica sulla personalizzazione

7.1 Configurazione in fase di compilazione e di avvio
7.2 Fasi della creazione
7.3 Integrare la configurazione di lb con dei file
7.4 Personalizzazione dei compiti

8. Personalizzare l'installazione dei pacchetti

8.1 Sorgenti dei pacchetti
8.1.1 Distribuzione, le aree di archivio e le modalità
8.1.2 Mirror delle distribuzioni
8.1.3 Mirror delle distribuzioni usati in fase di compilazione
8.1.4 Mirror delle distribuzioni usate durante l'esecuzione
8.1.5 Repository addizionali
8.2 Scegliere i pacchetti da installare
8.2.1 Elenchi di pacchetti
8.2.2 Usare metapacchetti
8.2.3 Elenchi locali dei pacchetti
8.2.4 Elenchi locali di pacchetti binari
8.2.5 Elenchi di pacchetti generati
8.2.6 Usare condizioni all'interno degli elenchi di pacchetti
8.2.7 Task per desktop e lingua
8.2.8 Tipi e versioni del kernel
8.2.9 Kernel personalizzati
8.3 Installare pacchetti modificati o di terze parti
8.3.1 Utilizzare packages.chroot per installare pacchetti personalizzati
8.3.2 Utilizzare un repository APT per installare pacchetti personalizzati
8.3.3 Pacchetti personalizzati e APT
8.4 Configurare APT in fase di compilazione
8.4.1 Scegliere apt o aptitude
8.4.2 Utilizzare un proxy con APT
8.4.3 Modificare APT per risparmiare spazio
8.4.4 Passare opzioni ad apt o aptitude
8.4.5 APT pinning

9. Personalizzazione dei contenuti

9.1 Include
9.1.1 Live/chroot include locali
9.1.2 Include locali binari
9.2 Hook
9.2.1 Live/chroot hook locali
9.2.2 Hook in fase di avvio
9.2.3 Hook binari locali
9.3 Preconfigurare le domande di Debconf

10. Personalizzare i comportamenti durante l'esecuzione

10.1 Personalizzare l'utente live
10.2 Personalizzare la localizzazione e la lingua
10.3 Persistenza
10.3.1 Il file persistence.conf
10.3.2 Utilizzare più di un'archiviazione persistente

11. Personalizzare l'immagine binaria

11.1 Bootloader
11.2 Metadati ISO

12. Personalizzare l'Installatore Debian

12.1 Tipologie dell'Installatore Debian
12.2 Personalizzare il Debian Installer con la preconfigurazione
12.3 Personalizzare il contenuto dell'Installatore Debian

Progetto

13. Contribuire al progetto

13.1 Applicare le modifiche

14. Segnalare bug

14.1 Problemi noti
14.2 Ricompilare da zero
14.3 Usare pacchetti aggiornati
14.4 Raccogliere informazioni
14.5 Se possibile isolare il caso non andato a buon fine
14.6 Segnalare il bug del pacchetto giusto
14.6.1 Durante la compilazione mentre esegue il bootstrap
14.6.2 Durante la compilazione mentre installa i pacchetti
14.6.3 In fase di avvio
14.6.4 In fase di esecuzione
14.7 Fare la ricerca
14.8 Dove segnalare i bug

15. Lo stile nello scrivere codice

15.1 Compatibilità
15.2 Rientri
15.3 Ritorno a capo
15.4 Variabili
15.5 Varie

16. Procedure

16.1 Rilasci importanti
16.2 Rilasci minori
16.2.1 Ultimo rilascio minore di un rilascio di Debian.
16.2.2 Modello per l'annuncio di un rilascio minore.

17. Repository Git

17.1 Gestire repository multipli

Esempi

18. Esempi

18.1 Usare gli esempi
18.2 Tutorial 1: un'immagine predefinita
18.3 Tutorial 2: servizio browser web
18.4 Tutorial 3: un'immagine personalizzata
18.4.1 Prima revisione
18.4.2 Seconda revisione
18.5 Un client Kiosk VNC
18.6 Un'immagine base per una chiavetta USB da 128MB
18.7 Un desktop GNOME localizzato e l'installatore

Appendice

18.8 Guidelines for authors
18.8.1 Linguistic features
18.8.2 Procedures
18.9 Guidelines for translators
18.9.1 Translation hints

Manuale di Debian Live

A proposito

1. A proposito di questo manuale

Questo manuale funge da unico punto d'accesso a tutta la documentazione relativa al progetto Debian Live e si applica in particolare al software prodotto per il rilascio di Debian 7.0 "wheezy". Si può trovare una versione aggiornata all'indirizzo ‹http://live.debian.net/

Sebbene sia principalmente focalizzato nell'aiutare a costruire un sistema live e non su argomenti per l'utente finale, è comunque possibile trovare alcune informazioni utili in queste sezioni: le Nozioni di base coprono il download di immagini precompilate e la preparazione delle immagini da avviare da un supporto o dalla rete, sia tramite il web builder o eseguendo live-build direttamente sul proprio sistema. Personalizzare i comportamenti durante l'esecuzione descrive alcune opzioni specificabili al prompt d'avvio, come la scelta di un layout di tastiera e una lingua, e l'utilizzo della persistenza.

Alcuni dei comandi menzionati nel testo devono essere eseguiti con i privilegi di super-utente che possono essere ottenuti diventando utente root tramite su oppure usando sudo. Per distinguere i comandi che possono essere eseguiti come utente normale da quelli che necessitano dei privilegi di super-utente, i comandi sono preceduti rispettivamente da $ o #. Questi simboli non fanno parte del comando.

1.1 Per gli impazienti

Sebbene crediamo che ogni cosa in questo manuale sia importante almeno per alcuni dei nostri utenti, ci rendiamo conto che c'è tanto materiale da trattare e che si potrebbe voler provare il software prima di entrare nei dettagli; pertanto suggeriamo di leggerlo nel seguente ordine.

Per iniziare leggere questo capitolo, A proposito di questo manuale, da cima a fondo insieme alla sezione Glossario, quindi passare ai tre tutorial all'inizio della sezione Esempi progettati per insegnare le basi della costruzione e della personalizzazione delle immagini. Si legga innanzitutto Usare gli esempi, seguito da Tutorial 1: un'immagine predefinita, Tutorial 2: un programma di utilità web browser e, infine, Tutorial 3: un'immagine personalizzata. Alla fine di queste esercitazioni, si avrà un assaggio di ciò che si può fare con Debian Live.

Ti invitiamo ad uno studio più approfondito del manuale, magari leggendo in seguito le Nozioni di base, sfogliando o saltando Creare un'immagine netboot, e finendo con la lettura di Panoramica sulla personalizzazione e dei capitoli che lo seguono. A questo punto, ci auguriamo che tu sia davvero stimolato da ciò che si può fare con Debian Live e motivato a leggere il resto del manuale per intero.

1.2 Glossario

  • Sistema Live: un sistema operativo che può partire senza installazione su disco rigido. I sistemi live non alterano né il sistema operativo locale (o i sistemi operativi locali) né i file già installati sul disco rigido del computer a meno che lo si faccia volontariamente. I sistemi live vengono solitamente avviati da supporti quali CD, DVD o penne USB; alcuni possono anche avviarsi via rete.
  • Supporto Live: diversamente dal sistmea live, si riferisce a CD, DVD o penna USB dove viene scritto il binario prodotto da live-build e usato per l'avvio del sistema live. Più in generale, il termine si riferisce anche a qualsiasi posto in cui risiede il binario allo scopo di avviare il sistema, come il percorso per i file di avvio da rete.
  • Debian Live: il sotto-progetto Debian che mantiene, tra gli altri, i pacchetti live-boot, live-build, live-config, live-tools e live-manual.
  • Sistema Debian Live: un sistema live che usa software proveniente dal sistema operativo Debian e che può essere lanciato da CD, DVD, supporti USB, via rete (tramite immagini netboot) e via internet (tramite il parametro di boot fetch=URL).
  • Sistema host: l'ambiente utilizzato per creare il sistema live.
  • Sistema di destinazione: l'ambiente usato per eseguire il sistema live.
  • live-boot: una raccolta di script usati per avviare sistemi live.
  • live-boot: una raccolta di script usati per creare sistemi live Debian personalizzati.
  • live-config: una raccolta di script usati per configurare un sistema live durante il processo di avvio.
  • live-tools: una raccolta di script aggiuntivi usati per eseguire utili compiti in un sistema live avviato.
  • live-manual: questo documento è inserito nel pacchetto chiamato live-manual.
  • Debian Installer (d-i): il sistema d'installazione ufficiale per la distribuzione Debian.
  • Boot parameters: parametri che possono essere immessi nel prompt del boot loader per modificare il comportamento del kernel o di live-config.
  • chroot: il programma chroot, chroot(8), rende possibile eseguire diverse istanze dell'ambiente GNU/Linux su un singolo sistema simultaneamente senza riavviare.
  • Binary image: un file che contiene il sistema live, come binary.iso o binary.img.
  • Distribuzione di destinazione: la distribuzione su cui sarà basato il sistema live. Può differire dalla distribuzione presente sul proprio computer.
  • stable/testing/unstable: la distribuzione stable contiene l'ultima distribuzione ufficialmente rilasciata da Debian; la testing è il punto di raccolta per i pacchetti della prossima stable. Uno dei principali vantaggi nell'uso di questa distribuzione sta nell'avere software più recente rispetto alla stable. La distribuzione unstable è dove avviene lo sviluppo attivo di Debian; viene generalmente usata dagli sviluppatori o da coloro che amano l'azzardo. In tutto il manuale tendiamo a usare i nomi in codice dei rilasci, ad esempio wheezy o sid, in quanto è quanto supportato dagli strumenti stessi.
  • 1.3 Autori

    Lista degli autori (in ordine alfabetico):

  • Ben Armstrong
  • Brendan Sleight
  • Carlos Zuferri
  • Chris Lamb
  • Daniel Baumann
  • Franklin Piat
  • Jonas Stein
  • Kai Hendry
  • Marco Amadori
  • Mathieu Geli
  • Matthias Kirschner
  • Richard Nelson
  • Trent W. Buck
  • 1.4 Contribuire a questo documento

    Questo manuale è pensato come un progetto comunitario e ogni suggerimento e contributo è benvenuto. Si veda Contribuire al progetto per informazioni dettagliate su come prelevare la chiave SSH ed eseguire buoni commit.

    1.4.1 Applicare le modifiche

    Per apportare modifiche alla versione inglese del manuale è necessario modificare i file giusti in manual/en/, ma prima di sottoporre il proprio contributo si prega di visionare l'anteprima del proprio lavoro. Per ottenere l'anteprima di live-manual, assicurarsi di avere installato i pacchetti necessari per la sua compilazione eseguendo:

    # apt-get install make po4a ruby ruby-nokogiri sisu-complete texlive-generic-recommended

    Si può compilare il live-manual dalla directory superiore del checkout di Git eseguendo:

    $ make build

    Giacché occorre del tempo per compilare il manuale in tutte le lingue supportate può risultare conveniente farlo per una sola lingua, ad esempio eseguendo:

    $ make build LANGUAGES=en

    È inoltre possibile compilare in base al tipo di documento, esempio:

    $ make build FORMATS=pdf

    O entrambi:

    $ make build LANGUAGES=de FORMATS=html

    Dopo aver revisionato il proprio lavoro e assicurato che tutto funzioni, non usare make commit a meno che nel commit non si stiano aggiornando delle traduzioni, in tal caso non mescolare nello stesso le modifiche al manuale inglese e le traduzioni ma eseguire un commit per ognuna. Per maggiori dettagli vedere la sezione Traduzione.

    1.4.2 Traduzione

    Per iniziare una traduzione per una nuova lingua, seguire questi passi:

  • Tradurre i file about_manual.ssi.pot, about_project.ssi.pot e index.html.in.pot nella propria lingua con il proprio editor preferito (tipo poedit) . Inviare i file .po tradotti alla mailing list in modo che il team di traduzione possa controllarne l'integrità.
  • Per abilitare una nuova lingua nell'autobuild è sufficiente aggiungere i file tradotti iniziali a manual/po/${LANGUAGE}/ ed eseguire make commit. Quindi modificare il file manual/_sisu/home/index.html.
  • Una volta che la nuova lingua è stata aggiunta, si può continuare a tradurre i restanti file po situati in manual/po/, nell'ordine che si preferisce.
  • Non dimenticare che è necessario usare make commit per assicurarsi che i manuali tradotti siano aggiornati partendo dai file po, quindi si possono verificare le modifiche con make build prima di git add ., git commit -m "Translating..." e git push.
  • Dopo aver eseguito make commit si vedrà del testo scorrere. Questi sono messaggi informativi sullo stato del processo e alcuni suggerimenti su cosa si può fare per migliorare live-manual. A meno che non si ottenga un errore fatale si può procedere e inviare il proprio contributo.

    live-manual è fornito di due utilità in grado di fornire un grande aiuto ai traduttori al fine di trovare le stringhe da tradurre o modificate. La prima è "make translate", avvia uno script che dice dettagliatamente quante stringhe non tradotte ci sono in ogni file po. La seconda, "make fixfuzzy", funziona solo sulle stringhe modificate ma aiuta a trovarle e aggiornarle una per una.

    È da considerare che nonostante queste utilità possono davvero risultare utili per tradurre dalla riga di comando, si raccomanda l'uso di uno strumento specifico come poedit. È inoltre una buona idea leggere la documentazione sulla localizzazione in Debian (l10n) e, specifiche per live-manual, le Linee guida per i traduttori.

    Nota: si può usare make clean per pulire l'albero del repository git locale prima del push. Grazie al file .gitignore questo passo non è obbligatorio ma è una buona abitudine che evita di fare involontariamente il commit di certi file.